News

Incentivi alle imprese: vero antidoto contro l’evasione fiscale

La Commissione europea ha presentato alcune proposte legislative volte ad arginare l’evasione fiscale: un nuovo pacchetto fiscale che entrerà in vigore entro gennaio 2019.

Ricordiamo che l’evasione fiscale e contributiva in Italia si aggira in media sui 110 miliardi di euro l’anno ed è un fenomeno che va analizzato seriamente. Secondo il comandante generale della Guardia di Finanza, Giorgio Toschi, sentito a gennaio di quest’anno in commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria, l’imposta più evasa è l’Iva «con 40,1 miliardi di euro come media del triennio 2012-2014, seguita dall’Irpef dovuta da imprese individuali e lavoratori autonomi con un valore pari a circa 28,1 miliardi, dall’Ires con 13 miliardi e infine dall’Irap con 8,5 miliardi». 

Enrica Sabatini ha presentato il progetto Rousseau in Portogallo

Enrica Sabatini, capogruppo M5S del consiglio comunale di Pescara, ha presentato il sistema operativo Rousseau in Portogallo, in occasione dell’evento “Reti digitali e culture della collaborazione” ospitato dall’università ULHT a Porto.

Docenti e ricercatori si sono confrontati sulla nascita di una nuova cultura collaborativa che sta prendendo piede in vari campi (ambiente, politica, economia, cultura e arte). 

Industria 4.0: necessari infrastrutture e investimenti per favorire l’innovazione

Il convegno sulla ricerca applicata e il trasferimento tecnologico a supporto dell’Industria 4.0 tenutosi a Roma, ha evidenziato che per far crescere l’Industria 4.0 c’è bisogno di infrastrutture e investimenti.

Quello che manca al nostro Paese, attualmente leader nel settore manifatturiero, è il contributo di grandi investitori che sarebbero pronti a impegnare centinaia di milioni al fine di dare un forte slancio all’industria del futuro. Alcune grandi aziende stanno investendo centinaia di milioni, ma il sistema ha difficoltà a decollare, poiché bisogna preparare la società al cambiamento che comporterà l’arrivo della quarta rivoluzione industriale.

Pedemontana Veneta: presentata interrogazione alla Commissione europea riguardo possibili violazioni alla normativa UE

Il Movimento 5 stelle ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea riguardo la faccenda della Pedemontana Veneta e le possibili violazioni della normativa UE.

La situazione dell’autostrada della Regione Veneto è diventata inaccettabile: soldi pubblici rubati ai cittadini veneti per costruire un’autostrada che nasce obsoleta.

Il progetto della Pedemontana potrebbe violare i principi comunitari, ha dichiarato la Corte dei Conti. 

Cina: economia di mercato solo quando si tratta di esportare?

Mentre la Commissione Europea appare sempre più incline al compromesso, proponendo una modernizzazione degli strumenti di difesa commerciale insoddisfacente che porta a un riconoscimento di fatto del Mes, la Cina aspetta impazientemente la concessione dello status di economia di mercato (in inglese Market Economy Status o MES Cina), ma nel frattempo ha raddoppiato i dazi sullo zucchero. Il dazio vedrà un aumento dall’attuale 50% al 95% e riguarderà le importazioni che superano la quota di 1,95 milioni di tonnellate. Mossa che rischia di ridurre gli acquisti cinesi all’estero.

La Cina è il più grande consumatore di zucchero al mondo e importa oltre 3 milioni di tonnellate l’anno tramite vie legali, più 2 milioni minimo di contrabbando.

Azionisti delle popolari venete: come fare ricorso

Serata informativa il 19 maggio al BHR Hotel di Quinto di Treviso

La crisi delle banche popolari – Veneto Banca e Popolare di Vicenza – è da mesi al centro del dibattito pubblico. Sono infatti migliaia i piccoli risparmiatori che hanno perso i propri risparmi.

È possibile fare qualcosa per cercare di recuperare il denaro perduto? Come fare ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo? Sarà questo il tema della serata, organizzata dal parlamentare europeo David Borrelli, che si terrà il 19 Maggio, alle ore 20.45, presso il Centro Congressi BHR Hotel Treviso a Quinto di Treviso, via Postumia Castellana 2.

Ospiti della serata saranno Elio Lannutti, presidente nazionale ADUSBEF, e Gaetano Filograno, avvocato. I due relatori spiegheranno nel dettaglio quali sono le azioni che è possibile intraprendere per far fronte al disastro innescato dalle banche popolari venete.

Possono aderire gratuitamente al ricorso TUTTI GLI AZIONISTI, anche chi ha accettato l’offerta transattiva proposta dalle banche stesse.

L’ingresso alla serata è libero e gratuito.

Piattaforme online: aumentare trasparenza dei dati raccolti ed evitare recensioni fake

Stamattina a Strasburgo nella riunione congiunta delle Commissioni ITRE-IMCO abbiamo approvato la relazione sulle piattaforme online. L’obiettivo principale di questo dossier è quello di creare un ecosistema favorevole per lo sviluppo di piattaforme online europee, che ad oggi nel loro insieme rappresentano soltanto il 4% del mercato globale.

Siamo soddisfatti del lavoro svolto su questo dossier e in particolare sono stati approvati i nostri emendamenti riguardanti la responsabilità delle piattaforme online, la trasparenza e le recensioni false.

Ci chiediamo se le piattaforme debbano essere responsabili dei contenuti che vengono messi online dagli utenti oppure no? Noi ci siamo battuti per mantenere il contesto normativo che regola attualmente questo aspetto del Web: la Direttiva sul commercio elettronico.

Accordi SEE con Norvegia e Islanda: un tassello in più verso l’integrazione economica

Il Parlamento europeo riunito in plenaria a Strasburgo ha votato gli accordi sul meccanismo finanziario del SEE e l’accordo con la Norvegia riguardo il settore pesca. Questi accordi risalgono all’accordo SEE del 1994, che consente la partecipazione al mercato unico della Norvegia, dell’Islanda e del Lichtenstein.

La finalità dello Spazio economico europeo (SEE/EEA) è estendere il mercato interno dell’UE ai paesi dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA) che non intendono aderire all’UE o che non l’hanno ancora fatto. Sono oggi membri del SEE l’Islanda, la Norvegia e il Liechtenstein.