convegno

Sabato a Silea il convegno sulle professioni sanitarie in Ue

Sabato 13 aprile parteciperò al convegno “Situazione dello studio e del lavoro in Europa per le professioni sanitarie”

Sabato 13 aprile l’On. David Borrelli interverrà al convegno “Situazione dello studio e del lavoro in Europa per le professioni sanitarie”, organizzato dall’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione delle province di Belluno – Treviso – Vicenza.

L’incontro si svolgerà a Silea, alle ore 8.30, e sarà l’occasione per affrontare il tema dei diritti dei professionisti che operano nel settore sanitario e della mobilità in Europa.

I nostri professionisti – ha dichiarato l’On. Borrelliuna volta terminato il proprio percorso di studio, se decidono di andare a lavorare in uno degli Stati membri dell’Unione europea, incontrano alcune problematiche che, a mio avviso, devono essere superate al più presto. Parlando con il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Belluno, Treviso e Vicenza, sono giunto a conoscenza che i nostri ragazzi per lavorare in Ue devono, spesso, conseguire ulteriori titoli abilitativi. L’unione europea è nata per agevolare gli scambi di beni e di persone, eppure per una buona parte dei nostri professionisti sanitari, non è così.

La mobilità della forza lavoro nell’Unione europea dovrebbe essere un vantaggio per i lavoratori, ma anche per le economie degli Stati membri. Avvantaggerebbe i Paesi ospitanti, perché consentirebbe alle aziende di coprire posti di lavoro che resterebbero vacanti e consentirebbe ai lavoratori di trovare posti di lavoro”.

Per questo motivo – ha concluso l’On. Borrelliil mio intervento al convegno è necessario, affinché si possano costruire delle basi solide per eliminare ogni tipo di rallentamento per i nostri professionisti. Metterò in campo tutti gli strumenti in mio potere per far sì che questa annosa situazione si sblocchi”.

Se ti è piaciuto, condividi il post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.