Carta etica

AI: il CEPEJ approva la prima Carta etica europea

L’intelligenza artificiale sempre più presente nelle nostre vite: ora, anche nei processi giudiziari. Il CEPEJ ha infatti approvato la prima Carta etica europea

 La Commissione per l’efficienza della giustizia del Consiglio d’Europa (CEPEJ) ha adottato la prima Carta etica europea sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale nei processi giudiziari.

Questo testo stabilisce i principi etici relativi all’uso dell’AI, tecnologia che può essere utilizzata per migliorare l’efficienza e la qualità delle nostre vite, ma anche del lavoro presso i Tribunali, purché si garantisca il rispetto dei Diritti fondamentali presenti nella Convenzione europea dei Diritti dell’uomo (CEDU).

La Carta etica è indirizzata alle start up legaltech che progettano piattaforme di nuovi servizi, agli sviluppatori di tools, nonché alle autorità a cui spetta la decisione di regolamentare questo campo come magistrati, avvocati, notai.

Il CEPEJ ha identificato i seguenti principi fondamentali da rispettare nel campo dell’IA e della giustizia:

  • Principio del rispetto dei diritti fondamentali: assicurare che la progettazione e l’attuazione di strumenti e servizi di intelligenza artificiale siano compatibili con i diritti fondamentali;
  • Principio di non discriminazione: prevenire specificamente lo sviluppo o l’intensificazione di qualsiasi discriminazione tra individui o gruppi di individui;
  • Principio di qualità e sicurezza: per quanto riguarda il trattamento delle decisioni giudiziarie e dei dati, utilizzando fonti certificate e dati immateriali con modelli concepiti in modo multidisciplinare, in un ambiente tecnologico sicuro;
  • Principio di trasparenza, imparzialità ed equità: rendere i metodi di trattamento dei dati accessibili e comprensibili, autorizzando audit esterni;
  • Principio “sotto il controllo dell’utente”: precludere un approccio prescrittivo e garantire che gli utenti siano attori informati e in controllo delle loro scelte.

È possibile scaricare la Carta etica europea qui.

Se ti è piaciuto, condividi il post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.