viaggiatori

Dall’Ue nuove norme a tutela dei viaggiatori ferroviari

Dall’Unione europea arrivano nuove norme che rafforzano i diritti dei viaggiatori ferroviari e una maggiore assistenza alle persone con disabilità

Il Parlamento europeo ha approvato l’aggiornamento dei diritti dei viaggiatori del trasporto ferroviario, garantendo così una migliore assistenza alle persone con disabilità, un accesso facilitato ai pendolari su due ruote e delle procedure per il trattamento dei reclami più chiare.

Durante la seduta in Plenaria, abbiamo votato a favore dell’aumento del risarcimento per i ritardi superiori a un’ora dal 25% al 50% del prezzo del biglietto. I passeggeri avranno così diritto a tale risarcimento, mantenendo quello a proseguire il viaggio o a cambiare il proprio percorso.

Inoltre, i passeggeri avranno diritto al 75% del prezzo del biglietto per un ritardo di un’ora e trenta minuti e al 100% del prezzo del biglietto per ritardi superiori alle due ore.

La legislazione, se sarà approvata in via definitiva, stabilisce inoltre che le compagnie ferroviarie dovranno migliorare le informazioni fornite ai passeggeri sui loro diritti e aumentare l’indennizzo versato ai pendolari in caso di ritardi.

Per quanto riguarda i viaggiatori con disabilità o mobilità ridotta, le stazioni più grandi dovranno garantire loro assistenza gratuita e senza l’obbligo di notifica preventiva. Per le stazioni minori, invece, abbiamo introdotto il tempo necessario per la pre-notifica per l’assistenza garantita.

Buone notizie anche per i viaggiatori su due ruote che potranno portare a bordo la propria bicicletta. I treni nuovi e quelli ristrutturati dovranno avere uno spazio ben indicato per il trasporto di bici, garantendo almeno 8 spazi.

Se ti è piaciuto, condividi il post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.