energie rinnovabili

L’Ue spinge per le energie rinnovabili

Il cambiamento climatico che stiamo vivendo sta provocando non pochi disastri ambientali. Serve una presa di posizione forte per contrastare questo fenomeno, utilizzando, per esempio, energie rinnovabili

Il contrasto al cambiamento climatico è da sempre una delle priorità perseguite dal Parlamento europeo. Con le nuove norme approvate da quest’ultimo e dai Governi nazionali, dal 2030 almeno il 32% del consumo energetico in Europa dovrà provenire da fonti energetiche rinnovabili, come quella solare o eolica. I paesi dell’Ue dovranno anche garantire che almeno il 14% dei carburanti utilizzati nel settore dei trasporti provenga da fonti rinnovabili.

L’ultimo report IPCC, pubblicato ad inizio ottobre, è allarmante e ci allontana dall’obiettivo di contenere l’aumento della temperatura a 2° C. Da qui, la necessità di intervenire, per evitare di vivere una crisi climatica irreversibile.

Settimana prossima, durante la Plenaria a Strasburgo, discuteremo e voteremo sull’energia pulita. L’obiettivo è quello di aumentare l’efficienza energetica del 32,50% entro il 2030 e la possibilità per le abitazioni di creare, immagazzinare e consumare più facilmente la propria energia pulita. In questo modo permetteremo ai cittadini e alle aziende di risparmiare non solo sui costi delle bollette dell’energia elettrica, ma anche di proteggere l’ambiente grazie a delle ridotte quantità di emissioni di CO2.

Se ti è piaciuto, condividi il post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.