Imprenditoria femminile in continua crescita: come è cambiato il mondo del lavoro

Negli ultimi decenni il mondo del lavoro femminile è cambiato notevolmente e in tutti i Paesi europei le donne hanno sempre più preso parte ad ogni settore delle attività lavorative, perfino nel settore imprenditoriale.

Le donne hanno affrontato un lungo percorso, iniziato fin dagli anni Settanta, che nel corso dei decenni ha portato loro ad un’emancipazione importante a livello lavorativo e soprattutto a livello imprenditoriale, occupando posizioni lavorative che fino a qualche tempo fa erano di pertinenza esclusiva degli uomini. 

Una ricerca di Unioncamere ha rivelato che l’imprenditoria femminile in Italia è in continua crescita, in particolare nelle regioni meridionali, sono dove presenti 474mila aziende guidate da donne, rappresentando il 36% del totale delle imprese femminili in Italia.

Il Mezzogiorno vince con un punto percentuale in più rispetto al Centro e quattro in più rispetto al Nord Est.

Questi dati sono sicuramente positivi, ma è necessario accrescere le politiche di sostegno alle donne, per consentire loro di superare le difficoltà iniziali e di inserirsi nei vari settori dell’imprenditoria.

Bisogna quindi favorire la creazione e lo sviluppo dell’imprenditoria femminile, anche in forma cooperativa, promuovere la formazione imprenditoriale e qualificare la professionalità delle donne imprenditrici, agevolare l’accesso al credito per le imprese a conduzione o a prevalente partecipazione femminile, favorire la qualificazione imprenditoriale e la gestione delle imprese familiari da parte delle donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *