La futura società digitale

Questa mattina nel corso dei lavori della Commissione ITRE è stato aperto un dialogo con il Commissario per la Digital Economy and Society Günther Oettinger che ci ha parlato degli obiettivi di potenziamento della politica digitale in UE nel prossimo decennio.

Investimenti in banda larga, cavo. sattellite, fibra ottica, cloud computing saranno fondamentali e la Commissione si è posta l’obiettivo di definire una strategia entro il 2016 e proprio questo martedì è stato presentato un pacchetto per la digitalizzazione. Si parla di tecnologia dei 5 G e di investimenti poderosi che mirano a coprire l’UE anche a livello transforontaliero, le frontiere costituiscono infatti un buco nero nella raggiungibilità digitale. Il Cloud Computing deve diventare di competenza europea secondo il Commissario, si pone ora il problema legato alla sicurezza dei dati e la necessità di creare degli standard.

Dunque 5 G entro il 2020. Proprio perchè la tecnologia corre, i tempi non potrebbero essere troppo lunghi?

PER NOI RIMANE PRIORITARIO GARANTIRE LA CONNETTIVITÀ A BANDA LARGA A TUTTI I CITTADINI, anche a chi risiede in zone rurali e non antropizzate, ma è urioso che ad alcune domande il Comissario non abbia ancora riposto: le basi Cloud dove verranno messe? In Ue o al di fuori? Chi controllerà questi dati?

https://goo.gl/4oHi1H

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.