Archivi mensili: febbraio 2016

Il mondo del lavoro oggi in Italia si divide veramente tra autonomi e dipendenti?

I lavoratori autonomi in Italia sono 5,4 milioni e di questi 3,5 non hanno alcun dipendente. Tra loro vi sono figure molto diverse: i lavoratori autonomi iscritti alle casse previdenziali private (avvocati, architetti…) che in questo frangente storico che vede il drammatico crollo dei redditi degli under 45 sono in difficoltà a sostenere gli impegni previsti dai loro statuti, e spesso non sono in grado di pagare i contributi previdenziali richiesti; i parasubordinati, 1,6 milioni, e i 180.000 freelance tutti iscritti alla gestione separata Inps.

Terza edizione della conferenza “Connected Smart Cities”

Nel corso della ultime settimane abbiamo ricevuto diverse richieste di informazioni riguardo alla terza edizione della conferenza “Connected Smart Cities” che si è tenuta a Bruxelles lo scorso 21 Gennaio. L’evento è stato realizzato per sostenere l’iniziativa “Open & Agile Smart Cities” per stimolare un dibattito sulle smartcities e su come favorirne lo sviluppo e l’innovazione. All’incontro hanno preso parte funzionari regionali e governativi dei paesi Ue, funzionari della Commissione europea, oltre a ricercatori, ONG e imprese interessate alla promozione di open data, portabilità e interoperabilità.

La competitività dell’industria ferroviaria europea e la capacità nel settore spaziale per la sicurezza e difesa europea

Oggi durante la riunione della Commissione per l’Industria, la Ricerca e l’Energia (ITRE) abbiamo discusso, tra i vari temi, due questioni di grande importanza per l’Italia. La prima riguardava la competitività dell’Industria Ferroviaria Europea. La collega relatrice, Martina Werner, ha svolto un ottimo lavoro portando l’attenzione su un settore cruciale dell’industria manifatturiera europea. L’industria ferroviaria europea rappresenta, infatti, il 46% del mercato mondiale e deve essere un volano per la creazione di nuovi posti di lavoro e per l’innovazione. Per far sì che ciò avvenga però è necessario avere delle priorità chiare a livello di politica industriale europea, e coordinarle coerentemente con la nostra politica commerciale. È fondamentale che sia rispettato il principio della reciprocità e dell’accesso simmetrico a mercati terzi.

Oggi a Bruxelles una marcia contro il suicidio economico dell’Europa

Oggi, lunedì 15 Febbraio, le industrie europee dell’acciaio manifesteranno a Bruxelles insieme a AEGIS Europe per lanciare un vero e proprio SOS sugli effetti del dumping cinese e sulla minaccia che una concessione prematura alla Cina della qualifica di economia di mercato, prevista per fine 2016, determinerebbe per i posti di lavoro europei, per la crescita economica dell’Europa e per l’ambiente.