Il Nuovo Decreto Lorenzin

La riorganizzazione delle prestazioni mediche voluta dal decreto Lorenzin rischia di avere il maggiore impatto su quel ceto sociale medio che più di tutti ha dovuto sostenere il peso della crisi economica. E viaggia in direzione completamente opposta rispetto ad un modello sanitario europeo che deve avere come centralità la prevenzione.

I dati dell’OMS mostrano l’aumento drammatico delle malattie cardiovascolari, anche tra i più giovani. L’unica vera arma resta la prevenzione. Come si fa prevenzione se un medico è costretto a prescrivere le analisi per il colesterolo ogni cinque anni?

Al Parlamento Europeo ho costituito un Gruppo d’Interesse sui diritti del malato, che riunisce deputati e organizzazioni della società civile. Voglio difendere attivamente i diritti di chi è più vulnerabile nella nostra società, e che oggi, con questo decreto, corre il rischio di non poter più accedere neanche alle cure dentali.

Come si fa a non capire che in un paese in cui il 21,7% della popolazione è costituito da persone al di sopra dei 65 anni il più importante fattore di risparmio nelle politiche sanitarie è il potenziamento della prevenzione?

Se ti è piaciuto, condividi il post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.